mercoledì 10 gennaio 2018

La lista dei dipartimenti di eccellenza è stata pubblicata, ed è quasi tutta al Nord

La lista dei dipartimenti di eccellenza è stata pubblicata qua.
Più di qualcuno ha scritto giustamente che è una politica troppo sperequativa, dato che il finanziamento è concentrato al Nord (magari non solo per merito).  E proporrebbe di usare i 1.3mld che propone di iniettare Grasso nel sistema abolendo le tasse, con interventi mirati, vedi qua.
Non mancheranno i commenti su come l'indice ISPD iniziale è stato definito (pesando gli indici bibliometrici non si sa bene come e perchè), e come in seguito sono stati valutati i "progetti dipartimentali", dove ci sono state clamorose rimonte --- anche qua, sulla base di non si sa bene quali motivazioni (ufficialmente, la qualità dei progetti, ma nessuno ci crede!!).

Probabilmente in Italia bisogna sperare di avere numeri talmente alti che non possono essere nascosti per cui si arrivava alti a ISPD che cmq qualcosa indicava quantitativamente --- per quanto ISPD misurava un numero limitato di lavori, come la VQR, quindi tronca effetti di singoli eccellenti, o viceversa esalta dipartimenti mediamente "mediocri", strano che il dipartimento "più eccellente" di Fisica sia dove non c'è nemmeno un corso di laurea in fisica!), o di avere santi in paradiso (per cui si rimontava).

In ogni caso, qualsiasi classifica troverà contenti i vincitori, e scontenti i perdenti. Per definizione!

Dei 180 progetti finanziati, per un totale di 1,3 miliardi nel quinquennio, 106 sono di università del Nord, 49 del Centro, 25 del SudIl dato importante, è che la quota per il mezzogiorno è del 14%, a fronte di una popolazione residente del 34%. 

1 commento:

  1. non sono mai stato nel mondo accademico Italiano aparte per il dottorato. Vedo solo che il dipartimento di telecommunicazioni del Politecnico di Torino non e' fra i primi. Nel mio campo (comunicazioni ottiche) il gruppo (composto solo da 5 associati (4 lo sono diventati da 1 anno, 1 da 5 anni) e un ordinario) e' a dir poco fondamentale a livello mondiale. Hanno sviluppato una modellistica che tutte le aziende, centri di ricerca e universita' al mondo sta usando (senza contare una marea di cose che hanno fatto prima). Son poche persone come ho detto. Hanno 5-6 dottorandi, eppure alle conferenze principali ottengono (senza contar tutorial e invited) il doppio di articoli accettati con rispetto a gruppi rinomatissimi con magari 30 - 40 membri. Ora mi chiedo, ma gli altri gruppi che sono ai primi posti, cosa hanno fatto? vinto il Nobel? hahaha

    RispondiElimina

Post in evidenza

codici etici nell'università italiana e cariche elettive "abusate". Facciamo un patto tra gentiluomini?

Carissimi   avrete seguito la vicenda del prof. Capano che qualche giorno fa è andata in prima pagina sul corriere , con successiva re...